Blog

Autotrapianto dei Capelli: è una Soluzione?

Cosa saresti disposto a fare pur di non ritrovarti con la testa pelata? Saresti pronto a tutto?

Negli ultimi anni si sta diffondendo sempre più la tecnica dell’ autotrapianto dei capelli, intervento chirurgico che offre, pare, buone risposte, soprattutto nei primi periodi.

Wayne Rooney, Antonio Conte, Jurgen Klopp, Matthew McConaughey, Jude Law hanno tutti fatto ricorso a un intervento di chirurgia estetica per risolvere il problema della caduta di capelli, sottoponendosi a un trapianto.

Il problema, che è di ordine estetico oltre che psicologico, non riguarda, come è noto, solo i personaggi famosi. Secondo alcune recenti statistiche, quasi sette uomini e quattro donne su dieci, a metà della loro vita, cominciano a soffrire di diradamento e caduta progressiva dei capelli, che in genere negli uomini si manifesta lungo l’attaccatura e nella zona delle tempie, mentre nelle donne si diffonde su tutta la parte superiore del cranio. Come è noto le cause di tale fenomeno sono molteplici: fattori genetici ed ereditari, ma anche ambientali, psicologici (ah, lo stress!) e comportamentali (cattive abitudini alimentari, soprattutto; vedi qui il nostro articolo sull’argomento), nonché quelli connessi all’azione ormonale del testosterone e della Prostaglandina PGD2, provocherebbero l’assottigliamento veloce dei follicoli, portando alla graduale atrofia del bulbo pilifero.

In una società come la nostra, non sembra casuale il ricorso sempre più sistematico all’ autotrapianto di capelli, una tecnica che ormai viene promossa quasi come rimedio miracoloso. Essa, in sintesi, consiste nel prelevare bulbi piliferi del paziente dalle zone in cui sono ancora vivi, per innestarli laddove invece risultano meno folti e deboli. Questa terapia chirurgica consente di stimolare la ricrescita dei bulbi, offrendo risultati immediatamente visibili; tra i vantaggi dell’operazione ci sono anche l’assenza di cicatrici, la scarsa invasività dell’intervento e, appunto, la crescita vigorosa entro pochi mesi, oltre al fatto che, prelevando campioni dallo stesso organismo, è praticamente azzerata la possibilità del rigetto.

Tuttavia, non bisogna pensare che questa sia la soluzione definitiva, né che la chirurgia da sola possa metter fine alla perdita di capelli.

L’ autotrapianto dei capelli, da solo, non basta a bloccare l’alopecia perché non agisce sulle sue cause e non elimina, dunque, il problema, che rischia di ripresentarsi anche nelle zone reimpiantate, costringendo nei casi più acuti a nuove operazioni. Il nostro consiglio è di rivolgerti sempre a medici esperti e specializzati che, oltre all’intervento chirurgico, offrano un percorso clinico che risalga alle radici della calvizie.

autotrapianto dei capelliNoi di Formed ti proponiamo una soluzione nuovissima e innovativa, basata su un trattamento che agisce sui follicoli recettivi danneggiati, garantendo una maggior capacità rigenerativa autologa: si tratta di Vibration Hair, uno spray naturale e delicatissimo che può addolcire il decorso, talvolta difficile, dell’operazione di autotrapianto.

Perché non lo provi? Visita il nostro sito e parlaci del tuo problema.




Share this story